Le opere realizzate da Pierluigi Bruno, architetto e designer napoletano, è un progetto artistico iniziato negli anni novanta, nel quale le figure sono costruite utilizzando esclusivamente materiali trovati sul posto: legno, pietre, conchiglie, semi, piume. L’autore, equilibra le sue strutture in modo armonioso da potere interagire delicatamente con gli elementi e con il vento. Esse rappresentano un riconoscimento al valore della leggerezza, dell’equilibrio, alla semplicità e alla bellezza della natura di cui facciamo parte.

«Molto di tutto ciò che ho imparato giocando con i pesi e il vento è alla base di un lavoro di ricerca iniziato sulle spiagge tropicali. Le forme e i pesi nelle varie parti sono pensati per interagire fra loro e quando le mie opere sono libere di esprimersi, assumono le figure più varie nel continuo gioco di spostamenti, che dipendono dagli elementi», spiega l’architetto.

Queste eteree creature che vibrano nel vento, assumono i profili più vari. Movimenti armoniosi, leggiadri che con il tempo, tutte le parti che le compongono, tornano alla natura che le ha generate.