Salerno famosa per il suo golfo e per essere punto d’incontro tra le due Costiere, amalfitana e cilentana, ha anche un lato “montano” sconosciuto. Infatti, sono diversi i percorsi trekking che permettono di esplorare la natura incontaminata dell’area collinare, scoprendo paesaggi mozzafiato e poco frequentati. 

Tra questi, uno dei più belli è il “Sentiero del Principe'”, che permette di guardare la città da uno sguardo insolito. Armati di zainetto e scarpe da trekking, il percorso parte dal Duomo di San Matteo per poi salire verso il Monastero di Montevergine e inoltrarsi nella pineta che conduce al Castello Arechi. Da lì, si prosegue nel “bosco di lecci” verso la Bastiglia per poi ripercorrere la strada asfaltata che conduce fino a Croce di Cava, dove attraverso i boschi di castagno si giunge al monte San Liberatore.

Un rudere particolare incornicia la città dall’alto, come è una vera e propria finestra su Salerno.

©Francesco Vaccarella