Oltraggiate, maltrattate, deturpate. Ancora, minacciate, perseguitate, picchiate e violentate. Prima divinizzate e poi ammazzate per mano di “uomini” irrisolti. Donne, che se appartengono a qualcuno, quel qualcuno è esclusivamente se stesse!

Per Anna, per tutte le donne, a cui mai deve essere negato il diritto di brillare. No, non necessariamente come paillettes, pronte ad essere illuminate da un piccolo raggio di luce, ma il diritto di brillare, sempre e comunque, della propria unicità fatta di semplicità. La forza e la fragilità.

 Il diritto di brillare del proprio coraggio e delle intime paure, caratteristiche della nostra natura, la nostra inafferrabile personalità… Il diritto di brillare prima dei nostri difetti, poi dei tanti pregi.

Un’altra volta ancora un uomo ci è riuscito. È riuscito a spegnere per sempre il diritto inviolabile di una donna di poter vivere senza di lui. E oggi, forse come non mai, siamo tutte donne ferite. Donne colpite. Donne mai sbagliate.

Marzo 2022, di molte di noi, troppe, ciò che resta…