Lei è

E’ l’altra parte di me e lo è senza essere me. È lo specchio che riflette la mia bellezza, le mie cicatrici, mentre mi mostra le sue ferite.

E’ l’abbraccio che stringe un po’ troppo o che si ritrae infastidito quando qualcosa va storto.

È il «guardiamo insieme le stelle, o i tramonti!». È il «facciamo qualcosa insieme!». È il canto sparso per casa in un mattino di novembre. È il disordine e l’ordine assieme, è infiniti sogni tra le lacrime. È resistenza che non cede.

È il silenzio introverso, le litigate, l’amore che chiede perdono sussurrando. È la compagna del mio cammino, l’amica più cara, l’altra parte della strada, l’incontro sui ponti della vita.

È il colore che rende viva ogni cosa. È la profondità del bianco e nero in fondo ai mari dell’esistenza.

È la mia parte più cara, mio sangue e mia carne.

È mia sorella.