Poliphonia

Architettura e suono si sfiorano e incontrano nell’installazione di Pino Musi. Le immagini si rincorrono, ondeggiano come su uno spartito musicale e come la musica sono fatte di ripetizioni degli stessi elementi. Il mondo rarefatto degli scenari cittadini è circoscritto nei fotogrammi scelti, senza ombre, senza aria. Un vuoto urbano tra le colonne del tempio di Pomona, colmato dai visitatori attenti e silenziosi. Un vuoto che contrasta con le voci della folla fuori, tra i vicoli del centro.
Il quattro settembre la data del finissage.