Un senso di profondità rivoluzionario

Il periodo che va dagli anni cinquanta agli anni settanta del XX secolo è stato quello di massima diffusione del View-Master in Italia.

Ma che cos’è il View-Master? Il View-Master è un visore stereoscopico costituito da due binocolini dotati di lenti, che, a una breve distanza, permettono di mettere a fuoco coppie di diapositive Kodachrome montate su appositi dischetti di cartoncino. I dischetti vengono inseriti in un alloggiamento caricandoli dall’alto, mentre una leva di avanzamento consente di passare alla coppia di diapositive successiva. L’illuminazione viene normalmente fornita da un diffusore opaco, che permette alla luce naturale di retroilluminare le diapositive. Questo tipo di sistema ottico, congiuntamente alle immagini riprodotte su diapositive, permette una ottimale illusione ottica di profondità tridimensionale. I soggetti dei dischetti vanno dai panorami e città del mondo alle fiabe e i racconti biblici realizzati attraverso la tecnica dei diorami e dagli attori o soggetti pubblicitari ai film.

Dagli anni ottanta, purtroppo, a causa dell’entrata in scena dei videogiochi, il View-Master sparì dagli scaffali di giocattoli italiani. Oggi, pur essendo ancora in produzione negli USA, viene considerato ingenuamente un giocattolo del passato, ma i veri rivoluzionari, i veri nostalgici e i veri amanti della tecnica antica e deliziosamente artigianale, ovviamente, non sono d’accordo.