Non un usuale vaccino, ma in questo vaccino, l’antidoto al Coronavirus, c’è attesa, paura, c’è la speranza. Alla luce dei ritardi delle case farmaceutiche, manca il 60% delle dosi, ci si scontra, però, con una realtà ingarbugliata, che non garantirebbe l’immunità di gregge nei tempi auspicati. D’altro canto, siamo in zona gialla, che, evidentemente, non significa scampato pericolo, c’è una rischiosa atmosfera da liberi tutti, le strade sono affollate. Di questo passo, diviene ragionevole dubitare che, nell’arco di pochi mesi, il virus possa avere difficoltà a trovare chi infettare. Dopo i sanitari, e qualche furbetto di turno, partirà il piano vaccinale per gli over 80 e i soggetti fragili. Un dato è certo, il nostro tifo è tutto per loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.