Se un vecchio proverbio recita «Ridere fa buon sangue», per gli scienziati di tutto il mondo, ridere fa davvero vivere meglio e rappresenta la più semplice ed economica via per il benessere, fisico e mentale, sia nella vita come nel lavoro e contribuisce alla salute del sistema immunitario.

Nessun momento era più appropriato per rafforzare le nostre difese e concludere la II rassegna teatrale regionale “Una risata allunga la vita” organizzata dal Teatro San Paolo in collaborazione con la compagnia “Nuova Edutipe” per la direzione artistica di Matteo Salzano dove sette compagnie si sono alternate nell’accogliente e rinnovato teatro di via Tevere a Pontecagnano. Dopo innumerevoli rinvii, legati all’attuale emergenza epidemiologica, si è riusciti a svolgere la serata finale del premio gradimento del pubblico “Cosetta Petolicchio”, dedicato alla memoria della fondatrice e attrice della “Nuova Edutipe”, prematuramente scomparsa lo scorso anno. 

Prima della premiazione, si è esibita la compagnia “Nuova Edutipe” nella commedia in “Miseria e Nobiltà”, celebre opera italiana in tre atti scritta in napoletano da Eduardo Scarpetta nel 1887 e interpretata anche dall’indimenticabile Totò, Sophia Loren e Carlo Croccolo nel film a colori di Mario Mattoli nel 1954. I giovani attori hanno ridato luce alla storia drammatica con nuove “sketch” simpatiche e divertenti che hanno coinvolto molto i presenti in sala.

A contendersi il Premio le compagnie “Teatromania di Gianni Tricarico” di Napoli, “30allora”di Casagiove, “Teatro Mio” di Vico Equense, “Attori per caso” di Battipaglia, “Quelli che… il Teatro” di Nola e  “Gabbiani” di Baronissi che hanno riscosso tutte un grande apprezzamento da parte del pubblico. La vittoria è andata alla Compagnia “30allora” di Casagiove, Caserta, con un’ottima interpretazione del capolavoro di Raffaele Viviani “L’ultimo scugnizzo”. 

Confidiamo che il pieno di risate sia stato utile ad alimentare il benessere fisico e mentale del pubblico, pertanto attendiamo la terza edizione per continuare a nutrire il nostro buonumore.

Il team del Premio e la compagnia “Nuova Edutipe”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.