La leggenda narrata dallo scrittore latino Plinio, vuole che Maiori discenda dalla dea Maia, colei che porta crescita o colei che è grande. Non sappiamo se sia vero o meno ma di sicuro Maiori oltre ad una storia complessa e antica vanta numerosi punti di interesse storico e di natura militare. Tra questi c’è il castello di San Nicola di Thoro-Plano, una bellezza poco conosciuta.

Ultimo testimone del formidabile sistema difensivo amalfitano contro i saccheggi dei longobardi e dei saraceni, in realtà non è un castello ma una fortezza, eretta come rifugio per la popolazione. All’interno vi erano caserme, alloggi, magazzini, una sorgente d’acqua in caso di periodi lunghi d’assedio e una piccola chiesa dedicata a San Michele.

Oggi è possibile visitare la fortezza grazie al signor Crescenzo De Martino, “il castellano” che con passione ed entusiasmo la custodisce. Questo esempio d’architettura difensiva conserva ancora la sua forma originaria, le mura dotate di spalti e contrafforti e le nove torri circolari ancora intatte. Vi invitiamo a visitare questo luogo, alla ricerca della sua storia e dei suoi segreti.