Parlare di sandali, vuol dire parlare del primo tipo di calzatura indossato dall’uomo, nata con lo scopo di proteggersi i piedi. Con il tempo essi si sono trasformati e arricchiti, diventando un oggetto legato alla moda e al gusto. A Positano, la tradizione nasce negli anni ’40 dalle mani di Dellino Carmine, antico maestro del sandalo artigianale.

Oggi, ad accoglierci nella sua bottega “Antica Positano” tra pelli, tacchi, decori, nastri che fanno da cornice c’è Antonio Ventre: svolge quest’attività da 40 anni con passione e impegno, seguendo l’antica tradizione tramandata dal suocero Luigi Tudisco. Una tradizione centenaria rimasta invariata nel tempo. In passato si cuciva a mano, oggi, invece, si usano le macchine che conservano comunque la qualità del lavoro artigianale. Quello che spinge le persone a farsi un sandalo su misura è la possibilità di personalizzarlo, scegliendo il tipo di pelle, il modello, il tacco e le pietre da applicare.

Antonio è certo che il segreto del suo successo sono l’amore con cui realizza il prodotto, la continua ricerca della qualità dei materiali utilizzati e una minuziosa manodopera, per far fronte ad un mercato sempre più esigente e attento.

Dai suoi occhi e dalle sue parole traspaiono la passione e la creatività per realizzare i miglior sandali. E i risultati si vedono. ©Fabio De Michele