Il progetto

Documentare il vissuto e raccontarlo al pubblico è l’idea de “la fotonotizia”. Voci libere, frutto della cooperazione di allievi, ex allievi e collaboratori della scuola di fotografia “iophotografo” per “raccogliere” e diffondere il “quotidiano”.

Il progetto a cura di Luigi Catuogno, Emilia De Feo, Fabio De Michele, Vittoria Di Giacomo, Anna Giordano, Enza Sola, Valentino Petrosino e Anna Pianura, è diretto da Gianpiero Scafuri, del Dipartimento Didattica Fiaf e tutor della Scuola di Giornalismo dell’Università degli Studi di Salerno.

Fotografare è un modo particolare di rivolgersi al mondo, di analizzarlo attentamente, come se l’obiettivo fotografico sia il nostro terzo occhio; una lente che ci permette di andare al di là delle apparenze che spesso ci ingannano.

La fotografia è polisemica, si presta a molte letture. Talvolta infatti, per completarla e per ridurne l’ambiguità è necessario l’ausilio di un testo capace di guidare l’istantanea interpretazione del lettore sul messaggio inteso dall’emittente.

Siamo convinti che la fotografia sia il modo più diretto – e dunque più efficace – di documentare i fatti e di farli conoscere al pubblico e ciò coincide con l’idea de “la fotonotizia”: divulgare un’informazione (raccogliere, documentare e diffondere) che privilegia come mezzo espressivo l’immagine.

La fotografia nel migliore dei casi è una piccola voce ma a volte una fotografia, o un gruppo di fotografie, possono risvegliare la nostra coscienza”. Eugene Smith