Si è conclusa la tanto attesa GMG diocesana 2021 -Wake up uagliù- svoltasi sabato 20 novembre al PalaSele di Eboli. Scenario acclamato di tanti concerti, il palazzetto dello sport è stato trasformato nella cornice ideale per questo evento.

A ricordare ai tanti giovani presenti che la vera rock delle nostre vite resta Gesù c’hanno ben pensato gli ospiti della serata che nella testimonianza di Simone Riccioni, l’esperienza di vita di Massimo Balsamo con la collaborazione dell’associazione “Saremo alberi” e la musica di Francesco Polisciano hanno accompagnato la serata.

Testimoni autentici, capaci di far arrivare al cuore di ciascuno il messaggio di questa serata “Alzati”. Tocca “alzarsi” per vedere cambiare le cose, tocca “alzarsi” per difendere, tocca “alzarsi”per amare, tocca “alzarsi” per testimoniare, “alzarsi” per gridare che Cristo vive, “alzarsi” per essere differenti.

Così l’invito che Cristo rivolge a Pietro, è diventato in questa serata, un vero e proprio “grido” alle vite di ciascun partecipante. Perché per essere autentici testimoni d’amore, bisogna non rimanere fermi, bisogna fare rumore.

Un ringraziamento speciale va senza dubbio al direttore dell’Ufficio Pastorale Giovanile dell’Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, Don Roberto Faccenda, a tutte le altre realtà giovanili della diocesi e ai collaboratori che hanno reso possibile la realizzazione di questo splendido evento. Un’intera serata all’insegna della vera condivisione e amicizia, tra concerti di musica, spettacolo, preghiera, solidarietà e riflessione che ha visto la sua “standing ovation” nella consegna finale: “Alzati. Sii luce nel mondo”… 

E così con le parole della canzone d’apertura con cui l’intero stadio ha cantato, ballato e fatto rumore, non ci resta che dire ancora dopo questo ampio respiro donato alle nostre vite “Signore, facci davvero strumento per portare attorno Luce.”

©Giusy Procida