tampon tax

Può una donna oggi, durante il ciclo mestruale, fare a meno di usare assorbenti? No. Eppure questi sono ancora, al pari dei beni di lusso, tassati nel nostro paese al 22% di IVA, quindi non considerati, in sostanza, beni di prima necessità. C’è un termine specifico Period poverty che indica un gap sociale ed economico e che parte dall’impossibilità  di potersi garantire un’igiene adeguata durante il periodo mestruale attraverso appositi dispositivi sanitari (assorbenti, tamponi o coppette) e in luoghi idonei (bagni puliti e attrezzati). Pensare che ancora oggi non siamo riusciti a soddisfare questa necessità è mortificante. Nel mondo molti Paesi si sono adeguati eliminando la cosiddetta tampontax. In Italia molti lo stanno chiedendo a gran voce ma ancora non si è giunti a una decisione. Rendere accessibili a tutte le donne questi dispositivi abbassando o eliminando costi e imposte sui prodotti igienici femminili essenziali, sarebbe un muoversi verso una società responsabile e attenta alle esigenze della persona.