A Salerno, le strutture sportive pubbliche non mancano, il vero problema è: le condizioni in cui versano. Ho fatto un giro visitando varie strutture, dal centro alla periferia, ed è stato difficile trovare un campetto che possa essere utilizzato senza mettere a rischio l’integrità fisica, tutti si presentano in condizioni pessime. Recinzioni perimetrali pericolose, reti inesistenti o logorate dal tempo, pali delle porte arrugginiti e mancanza di un’adeguata illuminazione. Sembra che a nessuno importi e nessuno si pone il problema. Negli anni, generazioni di ragazzi hanno calcato quei campi dando un calcio al pallone, tante sfide si sono susseguite, tanti ragazzi sono cresciuti e tante amicizie sono nate. Sappiamo quanto sia importante lo sport nei ragazzi, a livello non solo fisico ma soprattutto psichico, perché li educa a valori come la lealtà, coraggio, tenacia, ascolto, senso dell’appartenenza, rispetto dell’avversario e delle regole, spirito di sacrificio. Quindi non solo calcio ma parliamo di strutture che sono dei luoghi di aggregazione per i quartieri dove i ragazzi possono ritrovarsi. L’amministrazione comunale dovrebbe impegnarsi a risolvere questo scempio e provvedere alla riqualificazione di queste aree. Stiamo togliendo a questi ragazzi dei punti di riferimento e un’opportunità di cresciuta individuale e umana.