Bisogna ammettere che nelle società odierne è davvero difficile trovare tempo e spazio a sufficienza per offrire ai bambini un’infanzia all’aperto, e con il procedere delle generazioni l’affidamento alla Natura come migliore maestra sta venendo sempre meno. Si mette loro fretta, si spingono a bruciare le tappe nella convinzione che debbano costruirsi una biblioteca interiore di conoscenze pratiche e teoriche non appena mostrano di poterne afferrare i concetti, si elaborano liste mentali di ciò che fanno e potrebbero fare, e ci si sente soddisfatti quando sono in grado di rispondere in modo corretto alle domande o recitano divinamente. Esistono, però, lezioni indispensabili che ogni bambino deve apprendere per poter vivere una vita sana e che nulla hanno a che vedere con la cultura moderna, ma che è possibile ricevere solo trascorrendo del tempo impagabile e non strutturato con la natura.